Federazione Italiana Unihockey / Floorball

Federazione Italiana Unihockey / Floorball

L'angolo dell'arbitro pt.18

Eccoci anche questa settimana con il Q&A sulle regole arbitrali promosso da FIUF e Floorballmania.   Come sempre ringraziamo Roland De Conno Pobitzer per la sua disponibilità.

1) Se un giocatore fa un retropassaggio volontario al portiere e il portiere "sbadatamente" dovesse trattenere la pallina con le mani senza spazzarla subito, si punisce con un tiro di rigore?

Al portiere non è consentito toccare la pallina con le mani o con le braccia su retropassaggio di un compagno. Può liberarsene solo calciandola. Dovesse comunque accadere, l’azione non viene mai considerata come una situazione da rete e quindi non viene punita con un tiro di rigore, bensì con una punizione diretta sul punto in cui il portiere è entrato in possesso sempre rispettando la distanza minima dall’area protetta.

2) Se durante una partita un giocatore, gioca con stecca e paletta differenti, cosa succede?  Deve essere fatto notare da un giocatore avversario oppure può fermare il gioco anche l'arbitro? Se l'arbitro si accorge di questa infrazione subito dopo un gol del giocatore con stecca e paletta diverse, il gol è da considerarsi valido? 

L’uso di una paletta diversa dalla marca della stecca non è consentito. Può accorgersene l’arbitro stesso oppure può farlo notare il capitano della squadra avversaria e viene punito con una penalità partita I. Se quest’infrazione viene notata subito dopo un gol siglato dal giocatore reo del misfatto, il gol deve comunque essere considerato valido.

3) quando si evidenzia la distanza non corretta nel rilancio del portiere? Da dove il portiere può rilanciare? Che sanzione si dà al giocatore che non rispetta questa distanza? 

La distanza corretta nel rilancio del portiere viene calcolata dal punto dove il portiere entra in possesso della pallina all’interno della propria area di porta. Un giocatore avversario deve portarsi subito alla distanza di tre metri e non disturbare attivamente il rilancio. Non dovesse attenersi a questa regola, viene punito con una penalità di due minuti per distanza scorretta.

4) In caso di punizione all'interno dell'area del portiere, da dove si devono calcolare i 3 mt?

In caso di punizione all’interno dell’area bisogna sempre calcolare la distanza minima di 3 metri e mezzo dall’area protetta. 

Ringraziamo Roland per la disponibilità, e lo aspettiamo con le prossime domande.

Per tutti i vostri quesiti potete scrivere a comunicazione@fiuf.it e floorballmania@gmail.com

Sponsor

eFloorball.it
Gems
SITEC
Fat Pipe